Etica, equità, risorse

Il gioco d’azzardo pesa anche sulla sanità

Ammontano a un miliardo e 800 milioni di euro i costi socio-sanitari del gioco d’azzardo patologico

Se sei donna, ti basta un antidolorifico
C’è un pregiudizio di genere che porta i medici a tenere un comportamento diverso a seconda che si trovino d’avanti pazienti uomini o donne. E queste ultime finiscono per essere penalizzate
Contro i burattinai del fumo
Si celebra oggi, 31 maggio, la Giornata mondiale contro il fumo che quest’anno punta a tagliare i fili della promozione attraverso cui l’industria del tabacco fa proseliti
La tutela della salute affidata all’Antitrust
La promozione dei prodotti per la salute sbarca in grande stile sui media generalisti. E ripropone modelli già noti
Farmaci immorali

Su 12 nuovi farmaci anticancro recentemente messi in commercio, 11 superano la soglia di 100 mila dollari l’anno. Gli oncologi insorgono: «Sono prezzi immorali»

La sanità paga due volte la crisi
Il 70% delle persone che richiedono prestazioni di specialistica ambulatoriale gode di una qualche forma di esenzione. Così i ticket, introdotti per recuperare risorse, si rivelano inutili
In Europa soffia vento antiabortista

Spagna e Irlanda si avviano verso l’approvazione di norme più restrittive tese a rendere l’interruzione volontaria di gravidanza più difficile

Tagliare i rami secchi della medicina
Parte il progetto “Fare di più non significa fare meglio”. Come avvenuto con l’iniziativa gemella “Choosing Wisely” negli Usa mira a individuare le pratiche mediche inutili, se non dannose, quotidianamente offerte ai pazienti
«Commissariare l’Agenzia». È scontro tra oftalmologi e Aifa
La polemica tra Agenzia del farmaco e Società Oftalmologica Italiana sull’impiego di Avastin per le malattie oculari si avvia all’epilogo. Gli oftalmologi: «È una battaglia in difesa dei pazienti e del Paese»
Governare il cambiamento è possibile

Il caso del passaggio dal Pap test al test Hpv nello screening cervicale è un esempio di come sia possibile - benché faticoso - tradurre le evidenze scientifiche in indicazioni cliniche condivise con le istituzioni

Paternalismo, autodeterminazione e persuasione evidence-based

Mentre in Italia si respira un clima da caccia alle streghe, Jama pubblica l’intervento di due esperti di bioetica che sollevano una domanda fatta apposta per il contesto italiano: «Archiviato il paternalismo in medicina, come è possibile contrastare l’informazione scorretta senza cadere nella manipolazione del paziente?»

Caso Stamina: quello che non si può non sapere

Si è detto ormai di tutto. Si sono prese decisioni dettate dalla pancia e dalla voglia di compiacere più che dalla ragione. Giuseppe Remuzzi spiega perché ad agire come si è fatto nel caso di Stamina non ci guadagna nessuno: né i malati né la collettività

Le associazioni dei pazienti tra passione e manipolazione

La trasformazione della salute in un territorio in cui il cittadino/malato è sempre più cosapevole e partecipe delle scelte che lo riguardano ha portato alla ribalta le associazioni dei pazienti. Entità in grado di portare importanti progressi, ma che si muovono su un terreno molto scivoloso.

Il Governo: «Si vada avanti con il metodo Stamina»

Un decreto legge autorizza la prosecuzione della terapia in tutti i pazienti che abbiano già iniziato la cura. Balduzzi: «un trattamento che non abbia dato gravi effetti collaterali non deve essere interrotto».

Frode e corruzione nel settore sanitario

La sanità è tra gli ambiti più permeabili all’illegalità. I suoi costi economici sono stratosferici. Ma ben più gravi sono le conseguenze sulla salute dei cittadini

Abbiamo bisogno di uno Stato bambinaia?

Tra giuristi, psicologi, economisti ed esperti di bioetica comincia a farsi largo l'idea che uno Stato (un po’) paternalista sia perfettamente compatibile con l’idea di uno Stato liberale che tutela le libertà individuali

Migranti. Diffidenza e difficoltà linguistiche ostacolano le cure

Il diritto alla salute degli immigrati e la sicurezza sanitaria pubblica passano anche per il definitivo inserimento sociale degli stranieri nel nostro Paese. Basilare la formazione degli operatori e l’informazione-mediazione tra gli stranieri e la società ospitante. Su Epicentro al via una sezione dedicata

Lo strano caso dell’etica senza trasparenza. La risposta

Ispe-Sanità scrive in risposta a un nostro articolo dell’1 febbraio scorso in cui sottolineavamo la necessità di maggiore trasparenza. Soprattutto in quelle iniziative che si sforzano di diffondere comportamenti etici.

Non è un paese per matti

La Commissione parlamentare d’inchiesta sul Servizio sanitario nazionale squarcia il velo sullo stato dei servizi di salute mentale in Italia: «frequenti lacune, anche gravi, fino a situazioni di franco degrado».

La Chiesa tedesca dice sì alla pillola del giorno dopo, ma solo in caso di stupro

Il via libera arriva dall’arcivescovo di Colonia Joachim Meisner, che però precisa: «Se il farmaco è usato per impedire la fecondazione, bene. Ma se è utilizzato per impedire che un ovulo già fecondato si annidi nell’utero, allora il suo uso non è accettabile»

Lo strano caso dell’etica senza trasparenza

Da qualche settimana sulla stampa è un tripudio di articoli che denunciano i danni di corruzione e malaffare sul servizio sanitario. Sembra in corso una vera crociata per promuovere la diffusione di comportamenti etici in sanità. Ma c’è qualcosa di strano...

Quel silenzio sull’eutanasia

Gli italiani sono favorevoli, ma il tema è inesistente nell’agenda politica. Intanto anche il Quebec lavora per essere inserito tra i luoghi dove la pratica è consentita. Si teme, però, che una volta legalizzata, l’eutanasia sfugga di mano. Come sta avvenendo in Belgio, dove 5 detenuti l’hanno richiesta perché giudicano insopportabile la sofferenza della vita carceraria

Fai pubblicità nel tuo studio medico e vinci una crociera. È polemica

E' quanto prevede un accordo tra la Fimmg e le “Acque della salute” Uliveto e Rocchetta. I medici di famiglia che affiggeranno nei propri studi i poster che esaltano le qualità salutari delle due acque (garantite dalla Fimmg) parteciperanno al concorso che mette in palio 100 weekend crociera

È in lista per un trapianto. Ma cede il suo posto a chi ha famiglia

È la storia di un pastore piemontese di 68 anni in attesa di un trapianto di rene. Quando arriva la chiamata lui rifiuta e muore: «chi ha figli e ha più diritto di vivere».

La medicina difensiva vale quanto l’Imu e la spesa in ricerca
Costa allo Stato oltre 10 miliardi di euro all’anno, in pratica quanto l’Imu è costato agli italiani nel 2012. Il dato arriva dalla Commissione parlamentare di inchiesta sugli errori e i disavanzi sanitari. Il 22,6% degli esami strumentali sono effettuati a titolo “difensivo”, così come il 21% degli esami di laboratorio e delle visite specialistiche.
Bambini malati a scuola. Quando vince l’ignoranza

La scuola rifiuta a un bambino l’iscrizione a scuola perché affetto da fibrosi cistica. «Non possiamo assistere le persone con malattie infettive»

La vaccinazione dei sanitari: libertà personale o responsabilità pubblica?

Un ospedale Usa dispone la vaccinazione antinfluenzale obbligatoria per i dipendenti. Alcuni di essi si rifiutano e vengono licenziati. E scoppia la polemica

Opg: «Sono carceri-ghetto». Sotto sequestro 3 strutture

Dopo un anno dalla legge che ne disponeva la chiusura, i sei ospedali psichiatrici giudiziari sono ancora attivi. E le condizioni sono intollerabili

Screening per 6 milioni di italiani. Ma il Sud è in affanno

Compiono dieci anni i programmi organizzati di screening. Hanno contribuito a prevenire migliaia di decessi e diffondere la cultura della prevenzione. Ma preoccupa il futuro dell’Osservatorio nazionale screening

Dubbi di incostituzionalità: la legge 40 alla Consulta

Ennesima obiezione alla legge sulla procreazione assistita: secondo un giudice di Firenze viola la Costituzione almeno in due articoli: quando vieta la possibilità di revocare il consenso alla Pma e quando impedisce di svolgere ricerca sugli embrioni sovrannumerari.

Quando l’interesse è cieco

Due farmaci quasi identici per sicurezza ed efficacia. L’uno molto costoso. L’altro economico ma senza indicazioni specifiche per la malattia. I medici non possono prescrivere quello più economico per timori legali, mentre le risorse non sono sufficienti per garantire a tutti il trattamento costoso. E così a rischiare sono i malati

Il video pro-eutanasia: «Non voglio morire sconfitto»

Al via la campagna dell’Associazione Luca Coscioni a favore dell’eutanasia. Il protagonista è un vero malato terminale. Presentata una proposta di legge sul rifiuto di trattamenti sanitari e la liceità dell’eutanasia

Dove andrà il servizio sanitario?

Il premier Monti afferma che la sostenibilità del servizio sanitario nazionale potrebbe non essere garantita senza nuove modalità di finanziamento. Fioccano le polemiche: «Si vuole privatizzare il Ssn». Ma c’è anche chi difende Monti: «Se non interveniamo rischiamo di perdere l’universalità»

Il destino della legge 40

Entro il 27 novembre il Governo dovrà decidere se ricorrere contro la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo. Nel frattempo un altro colpo alla legge arriva da Cagliari dove un giudice autorizza una coppia  portatrice di una malattia ereditaria ad eseguire il test preimpianto.

Bye bye welfare

Le risorse economiche continuano a calare. E a pagare il conto più salato sono i più deboli. Il XV Rapporto Pit Salute mostra come i cittadini percepiscono la sanità.

Una trasfusione lo salva, ma lui denuncia i medici
Un testimone di Geova denuncia i medici per aver effettuato un trattamento sanitario esplicitamente rifiutato. E la vicenda rischia di arrivare alla Corte Costituzionale
Madri con Pma potranno non riconoscere il figlio

È previsto da una legge in discussione Commissione affari sociali alla Camera. Smontato un altro tassello della legge 40

Gli ospedali continuano a dimagrire: via altri 7.000 posti letto

Il ministero della Salute ha fornito le stime dell’ulteriore riorganizzazione dell’assistenza ospedaliera. Spariranno 14 mila posti letto per acuti per fare posto a 6 mila destinati a post-acuti

Medicina difensiva: una scelta obbligata?
Le assicurazioni lamentano una crescita delle denunce e aumentano i premi. Le Asl quello dei costi e disdicono le assicurazioni. E alla fine i pazienti vittima di malpractice rischiano di non essere risarciti
Quando la comunicazione incontra i bisogni del malato
Un progetto italo-australiano cerca di mettere a punto un modello di comunicazione della salute che fornisca informazioni di qualità e che rispondano ai bisogni dei malati
C’era una volta il welfare

Taglio dopo taglio, il peso dell’assistenza agli anziani e ai malati cronici si sta spostando sulle famiglie. Il quadro in un rapporto di Cittadinanzattiva

Il figlio nasce Down. La Cassazione dispone il risarcimento

Ancora un conflitto tra scienza e diritto. Questa volta al centro della disputa la diagnosi prenatale: secondo la Cassazione un falso negativo non avrebbe permesso l’aborto.

L'Aids a Cinque Stelle

Beppe Grillo nega l’esistenza dell’Aids così come la comunità scientifica l’ha da 30 anni definita. Le associazioni chiedono chiarezza. Ma il comico non risponde

Educazione alimentare e interessi
Poco più di un mese fa su Scienzainrete un gruppo di ricercatori e operatori di sanità pubblica lanciava un appello per un’educazione alla salute scevra da interessi. Oggi qualcosa è cambiato…
Aborti dimezzati in 30 anni. Obiezione per 7 ginecologi su 10

Nel 2011 sono state quasi 110 mila le interruzioni volontarie di gravidanza. Si stabilizza il numero di medici obiettori che tuttavia resta elevatissimo

Tutte false le prove su cui si basa la medicina?
Un libro appena pubblicato in Gran Bretagna lancia l’accusa: «I farmaci non funzionano». E ciò perché le case farmaceutiche nascondono i risultati degli studi, ingannando le autorità regolatorie e i medici, prima ancora dei pazienti. Ma attenzione alle letture acritiche.
Adhd: più raro di quel che sembra

Pubblicati i dati del primo anno di attività del Registro Regionale lombardo dell’Adhd. E sembrano dare ragioni a chi ha sempre mostrato cautela nei confronti di questo disturbo

Quale informazione è importante? Lo decide GoogleNews

L’algoritmo del motore di ricerca spesso amplifica notizie di scarsa qualità. Non è colpa sua, ma l’informazione sulla salute ne esce a pezzi. E a rischiare sono i cittadini.

Arriva la nuova legge sui trapianti da vivente. Ma l'Italia è pronta?

È stata approvata all’unanimità dal Senato. Ma restano ancora molti nodi da sciogliere. Innanzitutto, la qualità dei centri trapianti. E poi, occorre rafforzare la cultura della donazione affinché la legge non rimanga lettera morta.

Mammografia: il gioco vale la candela

Un nuovo studio promette di mettere fine alla diatriba che si trascina da anni su benefici e rischi della mammografia di screening. Ma le donne sapranno scegliere consapevolmente?

Il dialogo impossibile sulla sperimentazione animale

Il senatore Giovanardi afferma che con la sperimentazione sugli animali si sarebbe evitata la tragedia del talidomide. La Lav risponde che non è vero. E Silvio Garattini condivide la bibliografia che dà ragione al politico.

Eugenetica, una parola da ripensare

Alberto Defanti ripercorre la storia dell’eugenetica ripulendo il concetto dalle incrostazioni che si sono accumulate nel corso dell’ultimo secolo. Soprattutto quelle legate alle misure naziste. E spinge a riflettere senza pregiudizi.

«Caro malato, non vale la pena curarti»

I trattamenti innovativi hanno costi elevati, ma in molti casi non producono che un piccolo allungamento della vita del paziente. Non manca chi propone di destinare quelle risorse a chi potrebbe trarne maggiori benefici. Ma a chi spetta decidere? I punti di vista di Sandro Spinsanti e Gianfranco Domenighetti sull’argomento.

Attenzione alle trappole dell’educazione interessata

Un documento realizzato da operatori della sanità pubblica riepiloga quali sono, secondo la letteratura scientifica, le più efficaci misure di contrasto ai consumi alimentari nocivi alla salute. E mette in guardia dalle strategie messe in atto dalle aziende per opporvisi.

Promesse pericolose

Un farmaco già in uso si dimostra molto efficace anche contro l’Alzheimer. Ma finora è stato studiato solo sugli animali. Come dovranno comportarsi i medici? Prescriverlo o non prescriverlo?

Negli ospedali italiani si sbaglia quanto nei paesi più virtuosi

Uno studio in corso di pubblicazione su Epidemiologia&Prevenzione mostra che il tasso di errori in cinque grandi ospedali italiani non è dissimile da quello degli ospedali francesi, spagnoli, olandesi e canadesi: il 5%. Più della metà sono evitabili.

In Usa anche ai sani la pillola anti-Hiv

L’Fda autorizza l’uso di un farmaco contro l’Hiv anche nelle persone sane allo scopo di prevenire l’infezione. E c’è già chi si chiede se sia una «pietra miliare» o una «decisione avventata».

La legge non incentiva il ricorso all’eutanasia

Uno studio pubblicato su the Lancet mostra che la legalizzazione della morte assistita in Olanda non ha prodotto un maggior ricorso alla pratica rispetto al passato, quando, anche se non regolamentata, era tollerata.

La gravidanza nel Terzo millennio

C'è chi fotografa il suo aborto e chi invece per interrompere la gravidanza deve percorrere centinaia di km. C'è la donna obbligata dagli ufficiali sanitari cinesi ad abortire. Ci sono le donne italiane che pagano di tasca propria per la fecondazione assistita.

Vendere il midollo osseo? In Usa ora è possibile

Un tribunale equipara la donazione di cellule staminali ematopoietiche da sangue periferico alle donazioni di sangue. E poiché per queste ultime in Usa è possibile essere retribuiti...

Mangiare ai tempi della crisi
La crisi fa mangiare peggio gli italiani. E se invece di ricorre ai junk food si riscoprisse la vera dieta mediterranea? Un volume ripercorre il successo internazionale del nostro modello alimentare.
Questo screening s’ha da fare. Lo hanno deciso i cittadini

Una giuria di cittadini informati ha deliberato quasi all’unanimità che il Servizio Sanitario dovrebbe organizzare uno screening del portatore sano della fibrosi cistica nella popolazione. Ma più dei risultati conta il metodo.

La differenza tra “uccidere” e “finire”

Un volume di Maria Antonella Arras ricostruisce la figura dell’Accabadora, la donna che nella tradizione sarda aveva il compito di dare la morte ai malati agonizzanti. Una figura antica per una riflessione attuale.

 

 

Il Bmj si schiera: «Sia la società a decidere sulla morte assistita»

La rivista inglese lancia la riflessione sul tema. È importante che il dibattito esca dall’ambito dei professionisti della salute e coinvolga l’intera società. Come avvenne quasi mezzo secolo fa con l’aborto.

In Campania, ok alla legge che istituisce il Registro Tumori

Il provvedimento approvato all'unanimità dalla giunta regionale. Finalmente sarà possibile individuare la presenza di correlazioni tra gli aumenti registrati dei casi di cancro e i fattori ambientali più influenti sul rischio di sviluppare un tumore. Tra questi, soprattuttole discariche abusive e lo smaltimento di liquidi tossici.

Il caso Englaro visto attraverso gli occhi della Chiesa friulana

Nel 2008 dieci preti si discostarono dalla posizione ufficiale della Cei sul tema del fine vita, promuovendo una riflessione profonda e consapevole. Dopo quattro anni uno di essi spiega le ragioni di quella scelta.

Associazioni di pazienti: una questione di trasparenza

Uno studio italiano mostra che poco meno del 30% delle associazioni di pazienti e cittadini italiane dichiara di ricevere soldi dall’industria farmaceutica. Nei fatti, però, ricevono una qualche forma di contributo

Dall'industria del tabacco troppe interferenze alle politiche antifumo

Con il World No Tobacco Day del 31 maggio, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha voluto portare all’attenzione del mondo i tentativi che l’industria del tabacco compie per interferire nell’applicazione della Convenzione Quadro sul Controllo del Tabacco, il primo trattato internazionale al mondo per la tutela della salute pubblica dai danni del fumo.

Alzheimer: promesse e delusioni

In Usa parte la sperimentazione di un farmaco che promette di prevenire lo sviluppo della malattia. È un tassello della guerra dichiarata dall’amministrazione americana all’Alzheimer e che vorrebbe raggiungere il traguardo di una cura nel 2025. Fino ad allora, però, la diagnosi precoce dà più danni che benefici.

Obblighi pubblici e scelte private

La sentenza del tribunale di Rimini che ha disposto l’indennizzo per danni da vaccinazione per un bambino autistico ha riaperto il dibattito sui danni indotti dai vaccini. Ma come si è arrivati alla definizione del quadro giuridico attuale?

DsmV: bene il metodo, ancora scarsi i risultati

Le obiezioni della comunità scientifica inducono un cambiamento nei criteri proposti dal Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali per diagnosticare alcune malattie. Il processo di revisione aperta, effettivamente, funziona. Anche se forse non abbastanza.

Bisognava aspettare Facebook?

Il social network lancia una nuova opzione: sarà possibile dichiarare la propria volontà di donare gli organi. In Italia sembra una strada poco praticabile. Ma se le amministrazioni pubbliche provassero a imparare da Facebook?

Dall’etica medica alla bioetica: un cammino accidentato

L’etica biomedica nell’ultimo mezzo secolo ha subito una rivoluzione copernicana, ma tuttavia non tutti i nodi sono stati sciolti. Un estratto dell’intervento di Sandro Spinsanti al Workshop “Medicina e dintorni” che si terrà a Bologna l’11 e 12 Maggio 2012 (Scarica il programma)

La sperimentazione dei farmaci alla prova della globalizzazione

L’Ema pubblica un documento in cui fissa i requisiti che i trial condotti al di fuori dell’area europea devono possedere per poter essere riconosciute come valide.

Un po’ di saggezza in medicina

A invocarla sono nove società scientifiche statunitensi, che hanno identificato test e procedure inutili e inappropriate. Si tenga conto davvero delle esigenze dei pazienti.

 

Cosa significa “guarire”?

L’ultimo film di Mike Leigh Another year è lo spunto per richiamare le domande fondamentali e troppo spesso ignorate della medicina. Che cos’è la salute? Qual è la strada verso la guarigione? Quale ruolo gioca la consapevolezza, sia del medico sia del malato, in questo percorso?

Prevenire il sacco di operatori sanitari dal Terzo Mondo

Nasce in Italia un manifesto per l’applicazione in Italia del Codice di condotta internazionale sul reclutamento del personale sanitario

Privacy e salute. Ok del Garante all’utilizzo dei dati personali

Potranno essere utilizzati per rilevare lo stato di salute della popolazione. Autorizzati università, gli altri enti o istituti di ricerca, le società scientifiche e gli organismi sanitari.

Per un diritto della dignità del morire

Riceviamo e pubblichiamo una proposta di discussione su principi e criteri normativi che dovrebbero guidare la redazione di una legge sulle disposizioni anticipate del paziente

C’è etica in quei numeri

Gli strumenti metodologici per scegliere eticamente tra gli interventi sanitari non mancano.

E se impiegati, danno un quadro sorprendente della realtà.

Al Servizio sanitario nazionale i soldi non bastano più

L’allarme arriva dal Censis, che rileva la crescita a ritmi vertiginosi della spesa dei cittadini per la salute. Ed entro il 2015 alla sanità mancheranno 17 miliardi per fornire i servizi essenziali. 

Libertà di trauma

Il casco da bici offre una protezione minore rispetto a quello da moto. Per due ricercatori inglesi è una ragione più che sufficiente per dire che nessuno Stato possa imporlo. Ma sono questi i termini del problema?

Trapianti record: quando è il momento di fermarsi?

In Turchia, un paziente di 27 anni muore dopo il trapianto di tutti e quattro gli arti. La vicenda riapre la discussione sui super-trapianti.

Identità di genere: quando a scegliere è un bambino

È in aumento il numero di bambini e adolescenti che si sottopongono a trattamenti per il cambiamento di genere. Ma è etico un intervento irreversibile e con un simile impatto venga deciso da un minore o dai suoi genitori?

Quando le malattie psichiatriche si curavano con la malaria

Sei persone in Austria denunciano di essere state intenzionalmente infettate con la malaria. Era un test con cui si voleva dimostrare che la malaria fosse in grado di curare disturbi psichiatrici.

È al collasso la culla della neuropsichiatria infantile

Tempi di attesa che arrivano a 30 giorni per le emergenze. Trattamenti rimandati di 5 mesi.  «Questa la nostra situazione», denunciano i sanitari dell’istituto di neuropsichiatria infantile del Policlinico Umberto I a Roma, fondato da Giovanni Bollea.

Chiudono gli ospedali psichiatrici giudiziari

Il Senato ha approvato la riforma a fine gennaio. La Camera l’ha confermata con il voto di fiducia del 9 febbraio sul decreto legge sulle carceri. Chiusura prevista il 31 marzo 2013.

La sanità ai tempi della crisi (vista da Bolzano)

 

Il convegno annuale del Comitato etico di Bolzano ha approfondito il tema dell’allocazione delle risorse in sanità, guardando a esperienze più o meno virtuose di Germania e Svezia.

 

Casale Monferrato rifiuta il risarcimento

Il processo Eternit va avanti, ma il Comune rifiuta il risarcimento di 18 milioni proposto da uno dei proprietari della fabbrica. «Vogliamo arrivare a un accordo che impegni lo Stato a risolvere definitivamente il problema», dicono gli amministratori

Gli stati vegetativi in Italia

Più di 600 persone in Italia sono in stato vegetativo o di minima coscienza. I risultati del progetto nazionale “Funzionamento e disabilità negli stati vegetativi e negli stati di minima coscienza”

Quelle linee guida sono troppo scientifiche

L’Istituto superiore di sanità presenta le linee guida sul trattamento dell’autismo, ma, in un incontro pubblico, alcuni politici e associazioni le contestano perché troppo rigorose. Un altro esempio su come a volte procede la discussione sulla scienza nel nostro Paese. 

Eutanasia, un nuovo caso spacca la Gran Bretagna

Un ex giocatore di rugby inglese, affetto da sindrome locked-in, vuole morire e si rivolge alla corte costituzionale. «La mia condizione mi impedisce di esercitare il diritto all’autodeterminazione e un sistema legale umano dovrebbe fornirmi gli strumenti per farlo».

Contrastare le diseguaglianze: una questione di metodo

Un rapporto dell’ufficio europeo dell’Oms si concentra sui metodi di valutazione delle politiche tese a ridurre l’impatto dei determinanti sociali sulla salute.

Medici di famiglia: tutto sta cambiando

I modelli di retribuzione attuali, basati sul numero di prestazioni erogate o su quello dei pazienti presi in carico, fanno fatica a confrontarsi con l’attuale medicina. Anche per i Mmg irrompe la valutazione

Testamento biologico: a Napoli un registro comunale

La giunta approva una delibera in cui istituisce il Registro Comunale delle Dichiarazioni Anticipate di Volontà. Dubbi sulla legittimità del provvedimento: per De Magistris «non interferisce con le competenze dello Stato». L’assessore Lucarelli: «ci rifacciamo alla convenzione di Oviedo»

L’aborto non si ferma per legge

Un rapporto dell’Oms avverte: dopo un sensibile calo tra il 1995 e il 2003, la discesa dei tassi di aborto nel mondo si è arrestata. Colpa, soprattutto, dello scarso uso di contraccettivi. Ma anche delle legislazioni più restrittive che continuano ad alimentare i circuiti clandestini

Contro la crisi perché non puntare sul fumo?

Un aumento di 1 euro del prezzo delle sigarette comporterebbe un incremento delle entrate fiscali di 2,5 miliardi di euro e una probabile riduzione del numero di fumatori

Caro malato, ecco quanto mi costi

La Regione Lombardia da marzo indicherà nella lettera di dimissione i costi sostenuti per curare il paziente.

Una scelta che responsabilizza i pazienti o li umilia?

 

 

Autismo: confusione e diritti

Una scuola nega a due gemellini autistici la terapia desiderata dai genitori e scoppia la polemica. Ma le scuole possono fornire il trattamento richiesto, qualunque esso sia? La prossima pubblicazione delle linee guida sul trattamento dell'autismo da parte dell'Istituto superiore di sanità potrebbe aiutare a sciogliere i nodi

Maggiore trasparenza per una ricerca più etica

Si è concluso il lavoro della commissione che, su mandato del presidente Obama, aveva il compito di valutare se la legislazione americana era in grado di tutelare gli individui coinvolti nella ricerca da interventi dannosi o poco etici

La crisi morde anche il servizio sanitario di sua Maestà

Il National health service inglese è in sofferenza. Già oggi fatica a soddisfare i bisogni di salute della popolazione e nei prossimi 4 anni saranno tagliati 20 miliardi di sterline e 20 mila sanitari

Quelle batterie americane che avvelenano i messicani

Smaltirle in America è troppo caro e così sempre più aziende le esportano oltre confine alimentando un florido e pericoloso mercato del piombo

Come stanno i donatori?

Donano un rene a un proprio caro e poi nessuno sa che fine facciano. Ora in Usa si stanno ponendo il problema e nei prossimi mesi potrebbe essere richiesto ai centri per i trapianti di seguire negli anni il loro stato di salute

 

Se Big Tobacco denuncia lo Stato

La multinazionale del tabacco Philip Morris fa causa al Governo australiano. Ha approvato una legge che elimina dai pacchetti di sigarette di ogni logo ed elemento grafico

 

Il controllo delle nascite? Ci pensa la crisi

Negli Stati Uniti il numero dei nuovi nati cala costantemente di 100 mila unità l’anno dal 2007. La riduzione più consistente è nelle classi di età più giovani

Ocse: la sanità reinvesta sul territorio

Migliora la salute dei Paesi aderenti all’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, ma resta un’ampia area di inappropriatezza nella gestione delle malattie croniche

 

Che dilemma, il trapianto all’alcolista

Attendere che il paziente dimostri di essere in grado di disintossicarsi, in due casi su tre lo condanna a morte. Se si trapianta subito, l’organo potrebbe andare a una persona che lo danneggerebbe in poco tempo

Cure palliative: dalla Spagna una lezione di civiltà

Le nuove linee guida pubblicate dalla Società Spagnola di Cure Palliative mostrano come sia possibile affrontare il tema con laicità e mettendo al centro i bisogni del malato e della famiglia

 

Cesarei: Gran Bretagna a rischio Italia

Secondo le nuove linee guida del National Institute for Health and Clinical Excellence, le donne potranno richiedere un cesareo anche in assenza di motivazioni mediche

 

Tumori: per gli immigrati diagnosi tardiva

Può arrivare anche con 12 mesi di ritardo rispetto agli italiani. Soprattutto per gli scorretti stili di vita e il mancato accesso ai servizi sanitari di prevenzione. Ma il sistema sanitario non sempre sa rispondere ai loro bisogni

 

È la definizione che fa la malattia

Si avvicina la pubblicazione del DSM-V. Ma la codifica di nuove patologie e criteri diagnostici più blandi potrebbero far esplodere il numero dei malati

 

Selezione legittima?

Un volume ripercorre con un approccio giuridico-filosofico la giurisprudenza in merito alla legittimità o meno dell’impiego della diagnosi genetica preimpianto nell’ambito della procreazione assistita.

Status sociale: l'anello debole della catena

Si è tenuta dal 19 al 21 ottobre a Rio de Janeiro la Conferenza mondiale sui fattori sociali 'determinanti' per la salute.

Il direttore generale dell'Oms Margaret Chan, "Un mondo che è sbilanciato in tema di salute non è né stabile né sicuro”. 

Menopausa: ritorno alla normalità

Sembra passata l’ubriacatura da terapia ormonale sostitutiva. La quasi totalità delle donne, infatti, considera oggi la menopausa una fase normale della vita. I risultati del progetto Con Me (Conoscere la Menopausa) presentati in un convegno tenutosi nei giorni scorsi all'Istituto superiore di sanità

Adozioni salutari

In Scozia quattro bambini rischiano di essere tolti alle proprie famiglie e dati in affidamento perché obesi. I genitori sono considerati responsabili ed equiparati a chi malatratta i bambini.

Ma quanto può spingersi oltre la promozione della salute?

Niente farmaci a chi non paga

Agli ospedali greci che non pagano i farmaci verranno interrotte le consegne. La decisione della Roche, già in atto da alcune settimane,  mostra come la crisi economica cominci a incidere in maniera vistosa sull’assistenza sanitaria dei Paesi europei, richiamando realtà lontane che non si pensava potessero colpire anche il ricco occidente. 

Gli USA lanciano Million Hearts

Prevenire 1 milione di attacchi cardiaci e ictus nei prossimi cinque anni. Questo l’obiettivo del governo americano che ha stanziato per la campagna quasi 200 milioni di dollari. Farmaci e controlli: un’iniziativa che tralascia completamente la promozione di stili di vita sani, l’esercizio fisico, una dieta alimentare corretta e la lotta al fumo attivo e passivo.

Neuroscienze: la libertà non esiste

Un esperimento realizzato tramite risonanza magnetica funzionale da John-Dylan Haynes, del Bernstein Center for Computational Neuroscience di Berlino, sembra verificare sperimentalmente che la libertà è un illusione. Ne parla Nature, lo conferma un gruppo di studio dello University College di Londra. 

Consenso informato: una legge che norma il dialogo?
Si pretende di intervenire con la legge là dove sono appropriate regole deontologiche e accordi interpersonali frutto di confronto, di dialogo, magari anche di scontri tra visioni etiche diverse. È illusorio pretendere di ricondurre tutte le differenze individuali alla misura unica della legge. E chiedere alla legge di svolgere un compito per cui non è fatta...
Governance e consenso informato

La questione del consenso informato è subalterna alla definizione del potere in medicina, esercitato secondo la modalità contrapposta del governo o della governance. L’esercizio della medicina presuppone il riconoscimento al medico del potere di curare. Nel tempo, tuttavia, questo potere ha cambiato forma ed espressioni.

Un tribunale per i diritti dei medici

L'Ordine provinciale dei medici chirurghi e degli odontoiatri di Roma avvia la costituzione di un Tribunale dei diritti del medico. La delibera del Consiglio straordinario dell'Ordine, riunitosi in luglio, palesa la situazione di profondo disagio lavorativo dei medici, in tempi burrascosi di processi a sanità pubblica e privata.

Janus su carta, ecco il numero 2

Governo clinico: sudditi o protagonisti? Tramontata la stagione del paternalismo medico, ancora fatica ad affermarsi un nuovo modello, che non sia né quello del consumismo sanitario, né quello del potere autoritario. Se gli attori dello scenario della salute (tutti quanti) non sono più sudditi, forse ancora troppo raramente riescono ad essere veri protagonisti.